23 Ottobre 2019

[]
documenti

Officine Garibaldi pronte per un CO-WORKING

25-11-2016 - 101,00 KB - Documenti Generici
icona relativa a documento con estensione doc Officine Garibaldi pronte per un CO-WORKING

STORIA
• E´ uno esempio degli effetti della legge DELRIO-DELIRIO, una follia tutta targata Pd con scontri pisani, regionali, nazionali
• Sede istituto commerciale Einaudi, per ristrutturarlo ci volevano 5,8 mil €
• Quindi progetto nuovo, 8 milioni con scopo riunire tutte le sedi del sociale della Provincia tipo: Casa della Donna, Centro Nord-Sud
• 3,5 mil. € del PIUSS delle Mura e mutuo di circa 4 milioni , cioè 220mila € x anno per 20 anni…che già paghiamo!
• 650mila € con fondi FASS dalla Regione per il mancato progetto“punto informazione turistica” di Via Contessa Matilde la Provincia non aveva più delega per il turismo
• Questo ha comportato modifiche al progetto per la divisione della struttura in due parti fisiche e, con destinazioni ben distinte: TURISTICA e SOCIALE
• Le biblioteche come quella provinciale del Santoni e Serrantini non era previsto che ci andassero proprio per le destinazioni d’uso, anche se la struttura è idonea, solo una forzatura pensare a “biblioteca sociale di quartiere”
LO STATO ATTUALE
• Finito da 2 anni,la struttura è bella, spaziosa, luminosa, su due piani divisi in uffici, sale riunioni varie con soluzioni tecniche notevoli, pannelli solari e domotica in ogni dove.
• La parte TURISTICA è praticamente pronta e arredata con un auditorium “sospeso” da 84 posti completamente attrezzato
• Parcheggio sotterraneo con un archivio con sistemi antincendio e una centrale dei servizi avanzata.
• La Provincia ora ne è solo custode
• L´Università sembrava interessata alla gestione della struttura
• Faranno un bando di gestione, ma in pratica non si sa ancora cosa farci
COSA PROPONIAMO
• Coraggio e rapidità nelle scelte: far partire subito la parte TURISTICA
• Per Noi la struttura è eccezionale una per un Co-Working cittadino
• Dalla scheda Piuss inerente alla struttura le indicazioni:
“La parola officina, per concretizzare il significato di luogo del lavoro e della creatività. Un laboratorio e una bottega. Una parte di città capace di funzionare da officina culturale, luogo di incontro, scambio di saperi ed esperienze, di espressione delle novità e di elaborazione di idee. Un luogo del “fare insieme”, che grazie alla modulazione degli spazi, collegherà le diverse Istituzioni culturali ospitate, in progetti condivisi.”


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi informativa privacy  obbligatorio